INAUGURATA PunzecchiArte ad Abano Terme

INAUGURATA PunzecchiArte ad Abano Terme

Fino a domenica 16 febbraio la Galleria di Montirone di Abano Terme ospita 30 opere realizzate dagli artisti del Centro Diurno per persone con disabilità Santa Rosa di Fondazione I.R.P.E.A.

Michele, Monica, Ivan e Zamira, ospiti del Centro Diurno Santa Rosa di Irpea, sono alcuni degli artisti che fino al 16 febbraio mettono in esposizione le loro opere nella Galleria al Montirone di Abano Terme. Il progetto, iniziato 5 anni fa, permette ai ragazzi Irpea di dar spazio alla fantasia, superando i propri limiti tra colori, stoffe, cartone e pennelli. “Abbiamo scelto insieme le opere da interpretare, quelle colorate che ci piacevano – raccontano i ragazzi – È iniziato tutto così.”

Stamattina l’Assessora alla Cultura del Comune di Abano Terme Cristina Pollazzi ha inaugurato la mostra “PunzecchiArte Il magico mondo dei teatrini”, promossa dal Comune di Abano e Fondazione Irpea di Padova nella Galleria al Montirone di Abano Terme (via Pietro D’Abano 20). Alla cerimonia hanno partecipato il Presidente di Fondazione Irpea Armando Gennaro e Maria Pia Peserico, Coordinatrice del Centro diurno Santa Rosa di Irpea.

Fino al domenica 16 febbraio, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00 (escluso il lunedì), sarà possibile visitare gratuitamente l’esposizione, che ha il patrocinio di Padova Capitale europea del Volontariato 2020.

La collezione si articola in 30 opere, installazioni e “saltarelli” realizzati collettivamente dagli ospiti del Centro Diurno Santa Rosa di Irpea con grave e gravissima disabilità intellettiva. Si tratta di originali pezzi unici e riproduzioni di opere di artisti contemporanei (come Depero, Zecchini e Rubino) realizzati attraverso l’alternativa tecnica artistica del punzecchio, su temi che spaziano da fiabe e Medioevo fino alla nuova sezione su Venezia. Delle chiare rappresentazioni dell’estro e dell’energia creativa degli artisti, ottenute da ritagli di stoffe e materiali di riciclo.

«Questa selezione di opere ha lo scopo di puntare i riflettori sulla valorizzazione della persona, affermando che ciascuno può superare il proprio limite attraverso l’arte e produrre opere di buon contenuto artistico, trovando in questo una forma di eccellenza e realizzazione personale» ha dichiarato la coordinatrice del Centro diurno Santa Rosa di Irpea Maria Pia Peserico.

«Il Centro – infatti –  pone particolare attenzione alla dimensione artistica delle persone con disabilità, nella convinzione che cultura e arte siano mezzi privilegiati per l’espressione personale e l’inclusione sociale».

Della stessa opinione anche l’Assessore alla Cultura del Comune di Abano Terme Cristina Pollazzi secondo cui «l’arte, pur nelle forme più semplici, è un linguaggio universale capace di creare sinergia ed entusiasmo creativo. Con l’adesione a questo progetto l’Amministrazione vuole dimostrare attenzione verso i cittadini e apertura verso tutta la Comunità. “PunzecchiArte – ha concluso Pollazzi – rappresenta la prima parte di “CREArte insieme”, un progetto, fortemente voluto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Abano Terme, che comprende due mostre, l’una seguita appunto da IRPEA, l’altra da Nuova Idea».

Il centro diurno Santa Rosa di Fondazione I.R.P.E.A. nasce nel 2006 e oggi accoglie 50 persone con disabilità intellettiva con diversi profili di autonomia, a partire dall’età post scolare. Il centro pone particolare attenzione alla dimensione artistica delle persone con disabilità, nella convinzione che cultura e arte siano mezzi privilegiati per l’espressione personale e l’inclusione sociale. Per questo propone ai propri ospiti laboratori creativi e artigianali incentrati sul potenziale immaginativo e manuale di ogni persona: la creatività diventa così base dell’azione lavorativa e momento essenziale di affermazione e inclusione sociale.

Fondazione I.R.P.E.A. (Istituti Riuniti Padovani di Educazione e Assistenza) è una delle più antiche e radicate realtà padovane del welfare. Ha sede in via Beato Pellegrino 155 a Padova e attualmente impegna 220 dipendenti a servizio di un’utenza di 1.500 persone, occupandosi di assistenza alle persone con disabilità, di educazione ed istruzione (nidi integrati, scuole dell’infanzia e primaria), formazione professionale con corsi diurni e pre-serali, residenze e ospitalità per studenti universitari, lavoratori o assistenza ospedaliera.

Info sull'autore

Uff. Comunicazione IRPEA administrator